Notice: Trying to get property of non-object in /var/lib/wordpress/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 25
Cinema & Teatro, Luciano Odorisio, Politica

Green Book: Un Oscar che smonta la xenofobia dilagante!

Green Book ha vinto il premio Oscar. 

Peter Farrelly

Riconoscimento meritatissimo per un film che propone in modo semplice e disordinato un concetto essenziale: la conoscenza scioglie il pregiudizio. 

In questo caso, quello del razzismo tra il rozzo buttafuori italo-americano Tony Vallelonga e il raffinato pianista di colore Don Shirley, per il quale accetta di fare l’autista in una tournée negli Stati del Sud, dove la segregazione – nei primi anni Sessanta – è ancora pesante. 

La trama si rifà ad una storia vera e non s’impiglia mai nella retorica della denuncia esplicita, grazie a dialoghi diretti e una realtà abrasiva che sono entrambi efficaci, perché scritti dal figlio di Vallelonga. 

C’è un altro protagonista nel film, il viaggio: una situazione anomala, che sospende la quotidianità e dilata il tempo. 

Quello che i due uomini hanno on the road per parlarsi, studiarsi e confidarsi, anche per quello che accade nelle soste. Dove scoprono che per andare avanti insieme, devono darsi clemenza e aiuto. 

Green Book ha meritato l’Oscar perché parla di antirazzismo non con eroi, ma con il cambiamento di un rozzo italo-americano che si abitua al suo passeggero. 

Non perché riveda i suoi valori, ma perché succede così. 

Un messaggio che – con la forza del suo minimalismo – smonta più di un proclama le teorie xenofobe dilaganti. 

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: