Luciano Odorisio, Politica

Scanzi: Con Benetton siete stati ingenui, gonzi e coglioni.


Deprecated: sanitize_url è deprecata dalla versione 2.8.0! Al suo posto utilizza esc_url_raw(). in /var/www/html/wordpress/wp-includes/functions.php on line 4859

di Andrea Scanzi per Il FQ, 04-02-20

Lasciandosi fotografare accanto a Luciano Benetton, le quattro Sardine fondatrici hanno commesso un errore allucinante. Oliviero Toscani, che ovviamente se la sta ridendo un mondo, ha detto che quelle foto dovevano rimanere private. Figurarsi: nulla, a certi livelli, resta privato. 

QUANDO HO MESSO in scena Il cazzaro verde a Bologna il 22 gennaio, ho invitato tutti e quattro. Sarebbero venuti, ma non appena hanno saputo che in platea c’era anche Bonaccini hanno cambiato idea per non farsi strumentalizzare. 

Alla fine è venuta solo Giulia Trappoloni, non come Sardina ma come nata in provincia di Arezzo (come me). Anche i muri sapevano che le Sardine avrebbero votato Bonaccini, ma ho apprezzato il loro rigore. 

Quel rigore che non c’è stato con Benetton. 

Se è lecito visitare Fabrica, il “centro per sovversivi” creato da Toscani per dar spazio alle giovani eccellenze italiane, farsi fotografare (per giunta sorridenti) fianco a fianco con Luciano Benetton è irricevibile. 

E regala argomenti a chi, rosicando e delirando, sostiene che le Sardine siano un esperimento di laboratorio creato da Prodi e Pd. 

Le Sardine non esistono, come recita il titolo del loro libro in uscita per Einaudi: “Non esistono” nel senso che sono tutti e nessuno. Elettori Pd, 5 Stelle, sinistra radicale, astenuti: persone unite anzitutto dal non volersi far evirare da Salvini. 

Mattia Santori, autoproclamatosi leader, ha ammesso a fatica l’errore dopo le critiche arrivate anche da Sardine colleghe (Jasmine Cristallo, vicina a Potere al Popolo). Bene. 

Ma non basta, perché Santori sta diventando per molti “antipatico a prescindere”. 

Da Floris è riuscito a farsi demolire da Senaldi e Sallusti. Quando è salito sul palco di piazza San Giovanni, di fronte a una folla meravigliosamente smisurata, ha indossato la faccia compiaciuta del rappresentante d’istituto che occupa a caso la palestra, per poi espettorare punti programmatici puerili: roba tipo “i politici non devono dire parolacce” (sti cazzi!). 

Lercio lo ha ritratto mentre è al ristorante con la faccia assorta: “Mattia Santori sorpreso a fissare un menu per ore si giustifica: ‘Per ora so cosa non voglio!’”. 

Recensione strepitosa: Santori è a oggi perfetto come icona di milf e politically correct, ma non appena deve esibire contenuti denota lo stesso spessore delle sogliole anoressiche. 

Peraltro Santori è un ex (ex?) renziano che il 4 dicembre voto sì perché voleva il cambiamento (sic). 

Somiglia più a Calenda che a Berlinguer, e non si capisce perché uno così debba sintetizzare mediaticamente un’esperienza così bella. 

Come ha scritto Paolo Flores d’Arcais su MicroMega: “L’endorsement al governo – a cui non chiedete nulla di scomodo – e la foto testimonial con i Benetton – perché farvi strumentalizzare? – sono due atti incoerenti con l’esplosione di speranze che avete suscitato. Il vostro non voler essere ‘divisivi’ assomiglia troppo al non dispiacere a nessuno. Il no a Salvini non basta”. 

Santori ha un futuro assicurato da parlamentare (mi gioco una palla che sarà in Parlamento al prossimo giro), ma le Sardine non possono essere solo lui. 

Il loro è un movimento carsico, che se diventa soggetto politico non andrà oltre un futuro da costola minore del Pd, ma che nella società civile può continuare ad avere un ruolo nobilissimo: quello di sentinella e catalizzatore democratico di indignazione. 

Con Benetton siete stati ingenui, gonzi e coglioni. 

Ci sta: siete dentro un ingranaggio più grande di voi. 

Ora, però, diteci non solo cosa non volete: ma pure cosa volete. 

Partendo, magari, da revoca concessioni e prescrizione.

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: