Notice: Trying to get property of non-object in /var/lib/wordpress/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 25
Luciano Odorisio, Politica

Family Day ovvero la famiglia felice…anche se divorziata

Stralcio di Lorenzo Giarelli per Il FQ, 28-3-19

“(…)

TRA I PIÙ ATTESI a Verona ci sarà Matteo Salvini. 

Fresco di gossip per la relazione con Francesca Verdini, figlia 26enne di Denis, il ministro dell’Interno è sposato, divorziato, due volte padre (da due donne diverse) e ancora in età per onorare chissà quante altre famiglie tradizionali. 

Il primo figlio, nel 2003, è nato dal matrimonio con Fabrizia Ieluzzi, la seconda, sei anni fa, dalla relazione post-divorzio con Giulia Martinelli, a sua volta naufragata prima della celebre parentesi amorosa con Elisa Isoardi. 

Ce n’è abbastanza per tenere alto il buon nome della Lega, che già in passato aveva messo il cappello sulle varie riproposizioni del family day nonostante la storia personale dei propri esponenti. 

Basti ricordare, a riguardo, il caso di Roberto Calderoli, che si è da poco riaccasato con Gianna Gancia dopo il pittoresco rito celtico con cui nel 1998 si era unito a Sabina Negri. 

Una tradizione onorata anche da Roberto Castelli, che sposò Sara Fumagalli con druidi al seguito dopo aver avuto un figlio dalla prima moglie Silvia Galbiati. 

Vecchia e nuova Lega poco importa, se si tratta di allargare la famiglia. 

Tra i volti più recenti del Carroccio c’è il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti: anche lui, separato, sarà a Verona a portare il proprio contributo sulla stabilità della famiglia. 

Un po’ come Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia che due giorni fa ha rivendicato a Otto e mezzo la propria partecipazione al congresso, nonostante abbia avuto una figlia fuori dal matrimonio

Molto meglio una moderna convivenza che un antico matrimonio? 

Forse, anche se la Meloni è pronta all’auto-censura per spiegare il tutto e –chissà –per espiare la propria pena: “Non pretendo di avere il favore che la Costituzione riconosce alle coppie sposate”, ha detto a Otto e mezzo. 

Anche in Fratelli d’Italia, d’altra parte, i buoni maestri non mancano. 

Nella storia dei difensori della famiglia tradizionale c’è infatti spazio anche per Ignazio La Russa – due matrimoni, un divorzio e tre figli (il primo con Marica Cottarelli, gli altri con Laura De Cicco) – e per Daniela Santanchè, che ancora oggi porta il cognome del primo marito, ma che ha avuto un figlio da Giovanni Canio Mazzaro, prima della lunga storia d’amore con Alessandro Sallusti. 

E SARÀ PROPRIO il direttore del Giornale a presentare uno dei dibattiti in programma a Verona, lui che dall’altare è salito e sceso due volte

“Famiglia naturale, politiche e prassi in Europa”, il titolo dell’incontro. 

Arriverà il giorno seguente invece Elisabetta Gardini, eurodeputata di Forza Italia. Anche per lei parla il curriculum: nel 1990 ha avuto un figlio con il marito Luca Fazzi, da cui ha divorziato pochi anni dopo preferendo poi convivere col nuovo compagno senza celebrare un secondo matrimonio

Chi invece combatte tra religione e nozze è Alessandro Meluzzi, lo psichiatra star dei salotti tv che sarà a Verona per una tavola rotonda sulla crisi demografica. Sposato da tempo con Maria Valencia Ardiles, tre anni fa si è fatto prete ortodosso e poi vescovo di una piccola comunità di fedeli milanesi. 

Certo, l’ortodossia non permetterebbe a un vescovo di essere sposato, ma le tradizioni, si sa, sono fatte per essere cambiate. 

Almeno quando torna comodo.”

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: