Luciano Odorisio, Politica

S. Feltri: “Il piano di Renzi: un anno col M5S”…


Deprecated: sanitize_url è deprecata dalla versione 2.8.0! Al suo posto utilizza esc_url_raw(). in /var/www/html/wordpress/wp-includes/functions.php on line 4859

di Stefano Feltri per Il FQ, 10-8-19 

C’è un negoziato già in corso per evitare le urne, un’idea pazza: un nuovo governo di almeno un anno che si regga su un accordo tra il Movimento Cinque Stelle e il Pd. 

A gestire l’operazione però sarebbe nientemeno che Matteo Renzi. 

L’ex premier controlla ancora circa 45 senatori su 51 del Pd, cruciali per una maggioranza alternativa. Anche diversi esponenti di Forza Italia (una decina) sono pronti a sostenere il progetto, se Renzi fa partire l’operazione. 

“LA PACE SI FA con i nemici”, è la battuta che circola in ambienti renziani e, con parole simili, anche da alcuni Cinque Stelle. 

Il segretario del Pd Nicola Zingaretti vuole le elezioni il prima possibile, il Pd si troverebbe in una opposizione irrilevante ma il segretario piazzerebbe un po’ di parlamentari e guadagnerebbe una immunità sempre utile (pende ancora la richiesta di archiviazione per l’inchiesta per finanziamento illecito che coinvolge il lobbista Fabrizio Centofanti). 

Nell’ambiente zingarettiano si parla però di “preoccupazione” per questa ipotesi e il segretario non fa che ribadire di volere andare presto al voto. 

Ma il Quirinale teme l’esercizio provvisorio, vorrebbe un esecutivo che si faccia carico della legge di Bilancio in autunno e non vuole lasciare a Matteo Salvini, da ministro dell’Interno, la gestione delle elezioni. 

A innescare l’operazione Renzi-M5S, nelle intenzioni di chi la sta pensando, può essere la riforma costituzionale che riduce a 600 i parlamentari. Manca l’ultimo voto, previsto per settembre. 

Renzi si è sempre astenuto nei tre voti precedenti, può rivendicare che anche la sua riforma costituzionale riduceva il numero dei senatori. Addirittura a gennaio 2014, in una intervista al Fatto, aveva tentato un abboccamento con i Cinque Stelle chiedendo il loro voto. 

Anche dopo le elezioni 2018 Renzi aveva partecipato a un trattativa per un possibile esecutivo congiunto che però si era arenata per le divisioni interne al Pd e perché un pezzo dei 5 Stelle aveva già deciso di puntare sulla Lega. 

Ma ora è tutto diverso. 

Il Quirinale teme il caos in politica economica, Renzi voterebbe una manovra insieme ai Cinque Stelle anche se nessuno ama l’idea di intestarsi le nuove tasse o i tagli necessari. 

L’ex premier potrebbe rispolverare un’idea che ai 5Stelle non dispiace (chissà al Quirinale): deficit al 2,9 per cento del Pil per qualche anno, a fronte di un ambizioso programma di investimenti. 

COSA PUÒ OFFRIRE Renzi ai 5Stelle, oltre alla garanzia per i parlamentari di non perdere il posto per almeno un anno? 

Tre cose: salvare il reddito di cittadinanza, che un governo Salvini invece ridurrebbe subito, un presidente del Consiglio di garanzia di area Cinque Stelle (ma non Giuseppe Conte), e una sponda europea che ai pentastellati serve. 

Renzi ha conservato un buon rapporto con il presidente francese Emmanuel Macron e garantire l’ingresso nel gruppo di ispirazione macroniana Renew Europe. 

Il M5S potrebbe così sfruttare il credito che ha nei confronti della presidente della Commissione Ursula Von der Leyen, eletta proprio grazie ai 15 voti 5Stelle. 

Se tutto questo salta, Renzi ha due alternative. 

La prima è farsi dare da Zingaretti qualche seggio sicuro per sé e per i suoi, e magari il candidato governatore per la Toscana. 

La seconda è fare un partito in proprio, che, si pensa tra i renziani, potrebbe prendere tra il 5 e il 10 per cento. Entrambi gli scenari sono meno allettanti rispetto a quello che vedrebbe l’ex premier tornare di fatto al comando del Pd, almeno della sua componente parlamentare, e un domani chissà. 

Ma molto dipende dai Cinque Stelle: devono essere loro a cercare un’alleanza larga in nome della riduzione dei parlamentari.

(Così lo massacra come ha fatto con il PD ndr)

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: