Notice: Trying to get property of non-object in /var/lib/wordpress/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 25
Cazzeggi, Luciano Odorisio, Politica

Paolo Guzzanti sguaina la lingua contro il fighettume di sinistra…

Stralci dal corrosivo Paolo Guzzanti in “ode” alla morte di Sandra Verusio:

Sandra Verusio

“È morta infatti una delle più grandi stronze di sinistra: Sandra Verusio, il cui salotto miliardario era il cimitero degli eleganti, il luogo in cui si svolgevano riti ossessivi contro Berlusconi e i berlusconiani (…)”

“(…) con lei muore non un centro culturale, non un luogo sacro in cui si sono sviluppate le arti o il pensiero, ma il sistema del pettegolezzo autopromosso, l’ alterigia, lo snobismo dei radical chic a livello di shock, anzi di sciocchezzaio.”

E una sera che Scalfari lo portò a corte come per un rito d’iniziazione:

“…(…) C’ erano Alberto Ronchey, Giovanni Spadolini (uno degli uomini più fatui e pieni di sé di tutti i tempi) e una moltitudine di figure dell’ Ade, oggi per lo più stramorte con pochi rimpianti. Fui scrutato, vagliato e messo in sospensione. Questa gente sembrava la copia grottesca dei satanisti di Rosemary’ s Baby, il film di Roman Polanski in cui Mia Farrow scopre di avere concepito un bimbo col diavolo.(…)”

E continua sferzante e caustico:

“(…) Il suo pregiudizio razziale era quello che lei stessa dichiarava: «Non posso avere a che fare con gente di destra, è più forte di me». Non capiva la differenza che esiste fra un liberale,

Olcese – Pecci Blunt – Pignatelli – Verusio

un comunista e un fascista e pensava che fossero i personaggi di una barzelletta. E in effetti aveva limitato il perimetro del suo padiglione provinciale a una dimensione parallela ma non diversa da quella dei cafoni Casamonica: altri sfarzi, altre rabbie e desiderio di dominio, senza l’ onestà ruspante dei burini con i rubinetti d’ oro.

Verusio con Gabriela Fagnone Bertinotti

La ricordo, faccia a faccia, lei con il suo nasino rifattissimo e l’ occhio di chi non riesce a valutare le persone per quel che pensano, ma soltanto dall’ etichetta dei vestiti che portano e del partito che votano. (…)”

Verusio con Momi Ciani Ciotti

E poi la condanna insesorabile:

“(…) In effetti nel suo salotto aristocratico, era marchesa e ci teneva, si celebrava il continuo disprezzo per la borghesia, per l’ homo faber, per l’ Italia milanese e in particolare, ovviamente per il leader di Forza Italia. Quando io, dopo aver mandato all’ aria i piani di quello stesso che voleva rimuovere Cossiga dal Quirinale con la camicia di forza, passai per giunta nelle file berlusconiane, subii un ridicolo processo in contumacia nel salottone vellutato dove fui dichiarato formalmente non più vivo. (…)”

E conclude ancor più velenoso:

Sandra Verusio

“(…) Il verusismo non agiva in modo molto lontano dall’ antisemitismo razzista: là si marchiava a fuoco chi «portava i calzoni corti» (metafora per persone inguardabili, non menzionabili) e li si dichiarava non più visibili. Invece, sono bastati pochi tristi anni di storia per vedere che il verusismo ha reso invisibile e davvero non più esistenti in vita i suoi adepti.”

Paolo Guzzanti

VEcco forse perché Sandra Verusio, con una solitaria prova di buon gusto, ha voluto uscire di scena. Peccato. Avremmo preferito che vivesse molto più a lungo per provare rimorso per i danni che lei e il suo salotto hanno causato all’ Italia.”

RIP

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: