Luciano Odorisio, Politica

Padellaro: Barriere Incollate con il Vinavil


Deprecated: sanitize_url è deprecata dalla versione 2.8.0! Al suo posto utilizza esc_url_raw(). in /var/www/html/wordpress/wp-includes/functions.php on line 4859

Padellaro: ma questi dirigenti come facevano a prendere sonno la notte?

di Antonio Padellaro per Il Fatto Quotidiano, 13-11-2020

Il primo pensiero è: ma questi come facevano a prendere sonno la notte? Sapendo che le ridotte manutenzioni – “così si distribuivano più utili e i Benetton erano contenti” – avrebbero accelerato la corrosione dei cavi del ponte Morandi, e che la resina delle barriere sulla rete autostradale era difettosa e totalmente inefficace? “Incollate con il Vinavil”, confessavano a se stessi prima di scappare (“sti cazzi io me ne vado”). Magari, dopo aver disposto di risparmiare sulla sicurezza e sulla vita delle persone, che la morte non avrebbe risparmiato, davano sereni il bacio della buonanotte ai figlioletti. 

Magari, dopo avere fatto sorridere “Gilberto eccitato perché lui guadagnava e suo fratello di più”, andavano nelle università a predicare ai poveri studenti l’etica dell’impresa e il dovere della solidarietà. Magari, da azzardati scommettitori sul dolore altrui riuscivano malgrado tutto a scacciare i cattivi pensieri, a guardarsi allo specchio la mattina. Puntando sulla smemoratezza dei manufatti, stremati, marciti ma pur sempre lì, dai che anche oggi è andata liscia. 

Prima domanda di noi gente qualunque: ma se i forzieri della “Famiglia”erano già ricolmi di miliardi perché mai un’altra carrettata di miliardi eccitava ancora e così tanto Gilberto, e i suoi calorosi sentimenti fraterni? Pensavamo che ci fosse un limite oltre il quale accumulare dieci, venti o cento fantastilioni non dovrebbe mutare il senso di un’esistenza. 

O forse sì, se l’avidità è la misura prescelta di un mondo smisurato. Ma può darsi che le sinapsi di questi leggendari “Capitani” siano costruite anch’esse di materiali pregiatissimi, tali da non registrare alcuna vibrazione umanamente apprezzabile. 

Quando per esempio a Cortina, la sera del crollo del ponte Morandi, si convocano gli amici per una grigliata che sembrava brutto disdire. 

Leggendo di questi manager di resina scadente chiediamo infine sommessamente di risparmiarci d’ora in avanti altre penose lezioncine sui top manager dagli “impeccabili curriculum”, perennemente concentrati sul “benessere della collettività”. 

Ne esistono certamente, e non sono pochi, ma adesso più che mai ci sentiamo autorizzati a diffidare della narrazione da meeting confindustriali (con reggi coda dattilografi al seguito), quella della superiorità morale e delle buonuscite che gonfiano petto e portafoglio. 

Sti cazzi, come diceva quel tale del Vinavil.

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: