Notice: Trying to get property of non-object in /var/lib/wordpress/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 25
Luciano Odorisio, Politica

L’invasione che non c’è…

“L’ARTICOLO DI LEONARDO COEN sul razzismo a Milano, uscito sul Fatto lunedì scorso, elenca una serie di episodi avvenuti negli ultimi tempi, ma non dà una risposta sulle cause. E forse non vuole darle. 

Ma a mio parere la defunta sinistra non è in grado di darle perché altrimenti dovrebbe ammettere che l’accoglienza indiscriminata dei migranti è pura demagogia e fomenta il razzismo. 

Vivo da molti anni nelle periferie e posso assicurare che l’impossibilità di gestire una migrazione di massa produce conflitti inevitabili perché il nostro Stato non ha né le risorse né le capacità per governare un simile fenomeno. 

Invece di crogiolarsi nella demagogia occorre spirito pratico e risolvere il problema come fanno per esempio i Paesi più civili, per esempio la Svezia. 

Il premier socialdemocratico ha rimpatriato la metà dei migranti, perché non avevano diritto di rimanere in Svezia. 

Nessuno si è sognato di definirlo fascista e nessuno ha demagogicamente sostenuto che bisogna accogliere tutti. Vincenzo Magi

RISPOSTA

GENTILE SIGNOR MAGI, insicurezza e razzismo in Italia si intrecciano sempre più colpevolmente, alimentate da percezioni irreali e dal ballificio xenofobo. 

1) L’Italia ospita circa 6 milioni di immigrati (Osservatorio sulle migrazioni, ultimo rapporto del 31 gennaio), 9 su 10 vi risiedono da più di cinque anni. La stragrande maggioranza ha il permesso di lavoro o è qui per ricongiungimento familiare: il 56% è di origine europea; il 35 arriva da Paesi dell’Ue; il 17 da Africa e Medio Oriente; il 14 dall’Asia; il 13 da Oceania e Americhe. Le cifre smantellano la teoria dell’invasione africana e musulmana. 

2) Le ragioni delle migrazioni sono note: guerre, siccità, dittature, miseria, speranza. Per la Commission on Migration and Health (sponsor la rivista Lancet), ogni 1% di migranti corrisponde al +2% del Pil. I migranti sono una risorsa. L’inopinata stretta sui permessi di soggiorno li trasforma in irregolari, quindi più ricattabili da mafie e da disonesti datori di lavoro. 

3) In percentuale, l’Italia ha meno immigrati di Estonia, Svezia, Croazia, Lituania, Lussemburgo, Austria, Spagna, Olanda, Germania, Francia, Belgio, Grecia, Malta e altre nazioni. 

4) La Svezia ha accolto il 135% (!) dei migranti rispetto alla quota prevista ma l’estrema destra fomenta odio e violenza contro “l’in – vasione straniera”(23,4 immigrati ogni mille abitanti, in Italia 2,4): nei fatti, resta un baluardo della solidarietà. 

Ultima Grande Bugia: quella che i migranti ricevano più di quanto non contribuiscano. Smentita dai dati ministeriali.

Leonardo Coen”

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: