Notice: Trying to get property of non-object in /var/lib/wordpress/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 26
Luciano Odorisio, Politica

Lettere a Travaglio: Pro e Contro Salvini…Parte II

Ascoltare gli elettori, non i (pochi) iscritti

“Carissimo Travaglio,

la speranza che il M5S non solo votasse sì al processo a Salvini, ma non consultasse neppure la sua base, fatta di appena 50.000 iscritti, è stata rapidamente sacrificata al senso di responsabilità verso il Paese (sigh). 

Ci prendono pure per il culo! 

M5S ha avuto il mio voto da subito e, speravo, lo avrebbe avuto per sempre. Sbagliavo. 

Non sono come gli altri, non lo saranno mai e saranno certamente i meno peggio, come Lei ha scritto, ma devono ascoltare non solo i loro iscritti (pochi), bensì i loro elettori (moltissimi), che come per incanto sono certamente crollati dal 4 marzo a oggi. 

Dovranno fare i conti con il loro agire e lo faranno certamente, quando, me lo auguro, alle prossime Politiche scenderanno a un 15%. (…) 

Non ci resta che il Fatto Quotidiano su cui contare per obiettività e indipendenza. 

Per favore non deludeteci.”

Non fermate il cambiamento

“Caro Travaglio, e non solo come incipit di missiva, mi sei davvero caro, per un milione di motivi: ti seguo da sempre, ti apprezzo come nessuno, ti ho visto in incontri pubblici vari (ecco il confidenziale tu, anche se non ti ho mai salutato di persona) eppure, dopo gli editoriali del 19 e del 20 non riesco a capire e ti chiedo chiarimenti. 

Tu che dici: “Che cos’è in fondo il M. 5 Stelle, se non l’ennesimo o forse l’ultimo tentativo della gente perbene (…) di reagire all’illegalità dilagante e strafottente?(…) per non rivedere mai più certe facce e non arrendersi al cinismo della “politica sangue e merda” e del “cambiare non si può”, come puoi essere disposto a sacrificarlo per una presunta prova del nove (in realtà un amo gettato ad hoc) per far abboccare, in nome di un presunto “principio”, quei 5 stelle tiepidi e vacillanti che hanno sposato la tua posizione in proposito? 

Il principio, in questa circostanza, è servito a chi si oppone strategicamente a questo governo, da quando è nato! 

E sappiamo bene che non è stato il M. 5 Stelle a scegliersi il partner! 

Lasciarli dunque lavorare, per quanto possibile, sarebbe stata l’unica cosa da augurarsi, altrimenti vuol dire che anche a te sta bene, in definitiva, “il cambiare non si può” e non lo credo affatto!”

Deluso, non li ho scelti neanche in Abruzzo

“Carissimo direttore, ho letto il Suo articolo sul voto espresso sulla piattaforma Rousseau. 

Sono perfettamente d’accordo. Il movimento 5 Stelle ha scavato la propria fossa. Il 4 marzo alle elezioni politiche ho votato per il movimento sopra indicato, ma alle recenti votazioni nella mia regione Abruzzo, vivo a Pescara, non mi sono comportato come il 4 marzo perché temevo ciò che è avvenuto e cioè la non autorizzazione a procedere nei confronti del ministro M. Salvini. 

Per quanto riguarda il Reddito di Cittadinanza e la Quota Cento, reputo che siano misure moralmente giuste, contesto soltanto che siano state finanziate in deficit mentre potevano essere sovvenzionate recuperando la grande e vergognosa evasione fiscale.”

Il vaccino al virus saranno le elezioni

“Ha perfettamente ragione il direttore, in meno di un anno, un virus ha infettato i 5stelle ma contro i virus esistono i vaccini che si chiamano elezioni. Presto Salvini passerà all’incasso e allora noi delusi e incazzati elettori 5stelle un bel vaffa scriveremo nell’urna.”

Ho votato sì, ma il voto si rispetta

“Voglio esprimere il mio disappunto per il suo editoriale odierno, in particolare in cui Lei mette in risalto che il virus del berlusconismo ha infettato un po’ tutto il mondo M5S. 

Anche io ho votato per il sì all’autorizzazione, ma in democrazia bisogna accettare il risultato finale emerso e rispettare quanto gli iscritti a Rousseau hanno espresso. Voglio, anzi, manifestare gratitudine per aver permesso agli iscritti di potersi esprimere. 

Anche Lei, nel corso degli ultimi mesi ha apprezzato un cambiamento nel Movimento nell’accettare candidature dalla società civile, la probabile alleanza con altre liste civiche ed incarichi governativi a personalità che provengono da esperienze diverse. 

Anche il reato di abuso di ufficio sarebbe corretto distinguerlo da chi piazza un proprio parente/amico, da chi invece viene attaccato dalle opposizioni per mero opportunismo politico. 

Qui nessuno ha rubato, intascato tangenti o favorito qualcuno. Il M5S si sta adeguando certamente, ma questo non significa che rinneghiamo i valori essenziali per cui è stato creato e le nostre cinque stelle sono ancora la nostra stella polare da seguire. 

Il nostro gruppo dirigente è stato l’unico a non voler interloquire con B. e di questo bisogna darne atto, non vedo come Di Maio e gli altri Ministri stiano mercanteggiando le loro poltrone. 

Non saremo più i duri e puri come dieci anni fa, ma l’atteggiamento degli iscritti e del gruppo dirigente non sta assolutamente rinnegando quanto Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio hanno predicato sin dall’inizio. 

Sembra che talvolta Lei ed, in particolare i suoi collaboratori del Fatto, specialmente in tv, esageriate nel criticare il M5S per dimostrare all’opinione pubblica che non siete il quotidiano di riferimento di questi innominabili “grillini”.”

Facebook Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: