Racconti degli Amici

Jeans e rossetto rosso fuoco…


Deprecated: sanitize_url è deprecata dalla versione 2.8.0! Al suo posto utilizza esc_url_raw(). in /var/www/html/wordpress/wp-includes/functions.php on line 4859

Camminando… LIBERA!

di Guendalina

Una donna che cammina per strada, a volte è una donna sola, a volte una donna impegnata, a volte è una donna e basta. Io lo sono tutte e tre: single, piena di mille cose da fare e sempre indiscutibilmente DONNA!

Anche quando la mattina corro per andare a lavoro con i capelli arruffati, o quando sono carica di pacchi e sembro la Befana, o quando piove e ho i piedi zuppi, l’usura non mi scalfisce mai…perché ho scelto la libertà!

Di notte puoi incontrarmi in giro per la città, con un vestitino corto corto, il rossetto rosso e non ho paura, sto ferma, mi guardo in giro, osservo, ma non ho paura, qualcuno si avvicina ogni tanto, qualcuno è aggressivo, qualcuno è dolce, ma io non ho paura, ancheggio un po’, lo faccio sempre perché mi piace.

Qualcuno mi guarda ma non ho paura, non mi stanco mai della mia libertà, neanche quando gli altri la giudicano male, neanche quando potrebbe divenir pericolosa.

Di mattina puoi incontrarmi in jeans con le buste della spesa, col passo veloce e un po’ incazzata, vi guardo tutti, uno per uno, perché sono curiosa, non ho paura, qualcuno a volte mi fa un fischietto, rispondo anche io con un fischio (un po’ sfiatato), ancheggio un po’, non lo dimentico mai, mi piace.

Qualcuno al mio passaggio si scambia battutine di cattivo gusto con un amico, rispondo con una parolaccia e vado avanti, non ho mai paura e le buste pesano!

Di pomeriggio puoi incontrarmi con i soliti jeans della mattina, cammino lenta, accompagno la fine della giornata, guardo il tramonto dai ponti della città, sul fiume, non ho paura

Qualcuno mi fa un sorriso, rispondo con lo stesso sorriso, ancheggio più della mattina e della notte, mi rende donna, non ho paura, ho una birra in mano, qualcuno mi fa un complimento, dico “grazie!”.

 

 

bacio marinaio a times square
Greta Zimmer Friedman e George Mendonsa

Una volta per strada un amico mi baciò, così all’improvviso, ricorreva il 150esimo anniversario dell’unità d’Italia e lui non riuscì più a contenersi, voleva farlo già da un po’ mi disse e accadde quel giorno in centro nelle strade di Trastevere, tra la gente!

Non mi capita mai, di solito mi baciano tutti nella loro stanza, nella loro auto o di nascosto da qualche parte,.

Lui fu coraggioso, in quel momento non fu importante neppure che qualcuno potesse vederci e riferire il tutto alla sua donna, era impossibile resistermi, ancheggiavo da almeno 3 km!!!

Una volta per strada piansi tutte le mie lacrime, Lui era con lei e io in quel momento non esistevo più, ma la strada accolse i miei passi pesanti e desolati, esistevo almeno per lei!

Una volta invece ho riso fino a farmela addosso, forse una birra di troppo, forse un attimo di felicità improvvisa, ma lì su quella strada accade tutto ciò che non ti aspetti e io voglio esserci il più possibile e viverla!!

Chi sono?

Chia_ami Guenda…smack

Facebook Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: